1242011103536327250x75.gif

                                                          http://videostudiosaia.beepworld.it/

 Il TEATRO DI SAN CARLO

 

citato spesso come Teatro San Carlo, è un teatro lirico di Napoli, nonché uno dei più famosi e prestigiosi al mondo.

È il più antico teatro d'opera in Europa ancora attivo, essendo stato fondato nel 1737, nonché uno dei più capienti teatri all'italiana della penisola. Può ospitare più di duemila spettatori e conta un'ampia platea (22×28×23 m), cinque ordini di palchi disposti a ferro di cavallo più un ampio palco reale, un loggione ed un palcoscenico (34×33 m). Data la sua dimensione e struttura, è stato il modello per i successivi teatri d'Europa.

Affacciato sull'omonima via e, lateralmente, su piazza Trieste e Trento, il teatro, in linea con le altre grandi opere architettoniche del periodo, quali le grandi regge borboniche, fu il simbolo di una Napoli che rimarcava il suo status di grande capitale europea.

   

   REAL TEATRO DI SAN CARLO

(English: Royal Theatre of Saint Charles) is an opera house in Naples, Italy. It is located adjacent to the central Piazza del Plebiscito, and connected to the Royal Palace. It is the oldest continuously active venue for public opera in Europe, opening decades before both the Milanese La Scala and Venetian La Fenice theaters.

 

TEATRO SAN CARLO

 

« Mes yeux sont éblouis, mon âme ravie. […] Il n’y a rien en Europe, je ne dirai pas d’approchant, mais qui puisse même de loin donner une idée de ce théâtre. »

— Stendhal, Rome, Naples et Florence en 1817

Le teatro San Carlo, ou encore teatro San Carlo, real teatro di San Carlo, édifié le 4 novembre 1737, est l'opéra de Naples.

C'est le théàtre le plus important de la ville de Naples, l'un des plus célèbres au monde et le plus ancien théàre lyrique d'Europe subsistant aujourd'hui. Il peut accueillir trois mille spectateurs et compte six étages de loges disposés en fer à cheval, une vaste loge royale et un parterre long d'environ trente cinq mètres.

 

     Das REAL TEATRO DI SAN CARLO 

 

ist das größte Opernhaus in Neapel, Italien. Das geschichtsträchtige Haus war jahrelang die größte und eine der angesehensten Opern Europas.

1242011103536327250x75.gif

                    http://videostudiosaia.beepworld.it/

        PIAZZA DEL PLEBISCITO

(già Largo di Palazzo o Foro Regio) è una piazza di Napoli posizionata a termine di via Toledo, non appena oltrepassata piazza Trieste e Trento.

Ubicata nel cuore della città, con una superficie di circa 25 000 metri quadrati, qui si affacciano importanti edifici storici della città:

  • Basilica di San Francesco di Paola
  • Palazzo Reale
  • Palazzo Salerno
  • Palazzo della Prefettura
942013161953881125x104.gif

                                                        http://videostudiosaia.beepworld.it/

          PIAZZA PLEBISCITO

is one of the largest squares in Naples. It is named for the plebiscite taken on October 2 in 1863 that brought Naples into the unified Kingdom of Italy under the House of  Savoy. Located very closely to the gulf of Naples, it is bounded on the east by the Royal Palace and on the west by the church of San Francesco di Pala with colonnades extending to both sides.

In the first years of the 19th century, the King of Naples was Murat (napoleon's brother-in-law). He planned the square and building as a tribute to the emperor. When Napoleon was finally dispatched, the Bourbons were restored to the throne of Naples.

Ferdinand I continued the construction but converted the finished product into the church one sees today. He dedicated it to Saint Franis of Paola, who had stayed in a monastery on this site in the 15th century. The church is reminiscent of the Pantheon in Rome. The facade is fronted by a portico resting on six columns and two lonic pillars. Inside, the church is circular with two side chapels. The dome is 53 metres high.

Occasionally, the square is used for open air concerts. Artists, who have performed here, include Elton John, Maroon 5 and Muse. In May 2013, Bruce Springsteen & The E-Street Band gave a concert at the venue.

           PIAZZA DEL PLEBISCITO 

(ou Largo di Palazzo ou Foro Regio) (en français : « Place du plébiscite ») est la plus importante place de Naples. Située au chœur de la ville elle a une superficie de 25 000 m2 bordée par la Basilique San Francesco di Paola, le Palais Royal, le Palazzo Salerno et le Palazzo della Prefettura. Son nom est issu du plébiscite du 2 octobre 1860 intervenu dans le cadre de l'unification italienne.

            GALLERIA UMBERTO I

is a public shopping gallery in Naples, southern Italy. It is located directly across from the San Carlo opera house. It was built between 1887–1891, and was the cornerstone in the decades-long rebuilding of Naples — called the risanamento (lit. "making healthy again") — that lasted until World War I. It was designed by Emanuele Rocco, who employed modern architectural elements reminiscent of the Galleria Vittorio Emanuele II in Milan. The Galleria was named for Umberto I, King of Italy at the time of construction. It was meant to combine businesses, shops, cafes and social life — public space — with private space in the apartments on the third floor.

         Die GALLERIA UMBERTO I

 

ist Einkaufspassage in der Altstadt Neapels.

Sie ist mit einer großen Glaskuppel überdacht und liegt direkt gegenüber dem weltberühmten Opernhaus Teatro San Carlo. Die Galerie wurde in den Jahren 1887 bis 1890 nach Plänen von Emmanuele Rocco und Ernesto di Mauro erbaut und war Teil der Stadterneuerung nach der Choleraepidemie von 1884. Die Passage besteht aus zwei sich kreuzenden Armen, die mit einem tonnenförmigen Glasdach überdacht worden sind.

 La Galleria Umberto I

è una galleria commerciale costruita a Napoli tra il 1887 e il 1890.

L'interno della galleria è costituito da due strade che si incrociano ortogonalmente, coperte da una struttura in ferro e vetro. Le delimitano alcuni palazzi, quattro dei quali con accesso dall'ottagono centrale. Le loro facciate rispecchiano quella principale, infatti l'ordine inferiore è diviso da grandi lesene lisce, dipinte a finto marmo che inquadrano gli ingressi dei negozi e dei soprastanti mezzanini. Seguono al primo piano le serliane, al secondo le bifore, nell'attico le finestre quadrate.

Nel pavimento sotto la cupola si trovano mosaici con venti e segni dello zodiaco firmati dalla ditta Padoan di Venezia, che li realizzò nel 1952 a sostituzione degli originali danneggiati dal calpestio e dalla guerra. I bombardamenti provocarono la distruzione di tutte le coperture in vetro. Presso gli ingressi busti e lapidi commemorano luoghi scomparsi e coloro che parteciparono alla realizzazione dell'opera.

    GALLERIA UMBERTO I

L'organisation spatiale de la galerie mêle des boutiques, les affaires, les caffè et la vie publique d'une façon générale avec les espaces privés d'habitation à partir du troisième niveau. Le plan de la galerie est cruciforme. L'espace public interne, haut et spacieux, est surmonté de voùtes et d'undòme en verre à structure métallique. Des quatre branches de la galerie, une donne en face de la via Toledo (via Roma), qui est toujours le principal axe vers le centre-ville, et une autre ouvre sur le Teatro San Carlo. La galerie est redevenue un centre actif de la vie napolitaine après plusieurs années de relatif déclin.

121201115837479728x90.gif

                                                                                  http://videostudiosaia.beepworld.it/

      L'Orto botanico di Napoli,

conosciuto anche come Real orto botanico, è una struttura dell'Università Federico II, che fa parte della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Attualmente ha una estensione di 12 ettari e ospita circa 9000 specie vegetali e quasi 25000 esemplari. Si trova in via Foria, vicino al Real Albergo dei Poveri.

 

 

       Le JARDIN BOTANIQUE DE                     NAPLES,

également connu sous le nom de Jardins botaniques royaux, dépend de l'Université de Naples "Frédéric II".  Il occupe une superficie de 12 hectares dans le quartier de Foria, près de l'Hospice royal des Pauvres, et abrite environ 9 000 espèces végétales et près de 25 000 exemplaires. Il est membre du BGCI et son code d'identification international est « NAP ».

The BOTANICAL GARDEN OF                     NAPLES,

Italy, is a research facility of the University of Naples Federico II.

The premises take up about 15 hectares and are located on via Foria, adjacent to the gigantic old Albergo dei Poveri, the Royal Hospice for the Poor under the Bourbon dynasty. The facility is part of the university’s Department of Natural Science. It is one of the many scientific and educational facilities instituted under French rule in Naples (1806–15). The Garden opened in 1810.

At present the Garden displays on the premises around 25,000 samples of vegetation, covering about 10,000 plant species. Although open to the public, the Garden is not, strictly speaking, a public park. It is really an educational facility for the university and local high schools and is separate from the agricultural department of the University of Naples. The Garden is also actively engaged in the preservation of endangered plant species. There is also an ethnobotany section of the Garden where plants are studied that are potentially useful, medicinally, to humans. Besides smaller structures on the premises, there are two larger ones: the 17th-century "castle," recently restored, and the 5,000 square meter Merola Greenhouse. The castle contains lecture and display rooms, and houses the Museum of Paleobotany and Ethnobotany.

                                 NAPOLI SOTTERANEA

è un complesso di cunicoli e cavità scavate nel tufo  poste nel sottosuolo di Napoli; vi si trovano soprattutto innumerevoli forme di ambienti ed architetture classiche, greche e romane.I primi manufatti di scavi sotterranei risalgono a circa 5.000 anni fa, quasi alla fine dell'era preistorica.

Successivamente, nel III secolo a.C., i Greci aprirono le prime cave sotterranee per ricavare i blocchi di tufo necessari alle mura e ai templi della loro Neapolis e scavarono numerosi ambienti per creare una serie di ipogei i funerari.

Nel 1987 Albertini riportò alla luce una cava greca a circa 40 metri di profondità al di sotto del cimitero di Santa Maria del Pianto in cui trovò sulle pareti segni identici a quelli che si trovano nei resti delle mura di piazza Bellini.  La cava fu utilizzata per prelevare tufo per la costruzione delle mura e fu preservata dall'utilizzo cimiteriale perché il suo ingresso fu ostruito da un crollo. Diversamente per un'altra cava, la cosiddetta grotta degli sportiglioni (i pipistrelli) che fu utilizzata come ossario in occasione dell'infaustissima peste del 1656.

Uno dei tanti cunicoli

Mai abbandonati e dimenticati, i primi acquedotti delle origini sono stati utilizzati nuovamente, cambiati, allargati e adattati a nuovi usi. Sulle pareti di tufo, è possibile leggere ancora i segni dei picconi e del lungo lavoro svolto dall'uomo nel sottosuolo.

Lo sviluppo imponente del reticolo dei sotterranei iniziò in epoca romana: i romani infatti in epoca augustea dotarono la città di gallerie viarie (grotta di Cocceio e grotta di Seiano) e soprattutto di una rete di acquedotti complessa, alimentata da condotti sotterranei provenienti dalle sorgenti del Serino,, a 70 km di distanza dal centro di Napoli. Altri rami dell'acquedotto di età augustea arrivarono fino a Miseno, per alimentare la Piscina mirabilis, che fu la riserva d'acqua della flotta romana.

Larghi quel poco che permetteva il passaggio di un uomo, i cunicoli dell'acquedotto si diramano spesso in tutte le direzioni, con lo scopo di alimentare fontane ed abitazioni situate in diverse aree della città superiore. A tratti, sulle pareti, si notano ancora tracce dell'intonaco idraulico, utilizzato dagli ingegneri dell'antichità per impermeabilizzare le gallerie.

Agli inizi del XVI secolo il vecchio acquedotto e le moltissime cisterne pluviali non riuscivano più a soddisfare il bisogno d'acqua della città che si era estesa a macchia d'olio e fu così che il facoltoso nobile napoletano Cesare Carmignano costruì un nuovo acquedotto.

Fu solo agli inizi del XX secolo o che si smise di scavare nel sottosuolo per l'approvvigionamento idrico e si abbandonò una rete di cunicoli e cisterne di oltre 2.000.000 m², diffusa per tutta la città.

Servizi igienici usati dai rifugiati durante la seconda guerra mondiale

I sotterranei furono utilizzati anche come rifugi antiaerei per proteggersi dai disastrosi bombardamenti che colpirono la città.

Le cavità furono illuminate e sistemate per accogliere decine e decine di persone che al suono della sirena si affrettavano a scendere per le scale che scendevano in profondità. Resti di arredi, graffiti e vari oggetti in ottimo stato di conservazione testimoniano ancora oggi la grande paura dei bombardamenti e i numerosi periodi della giornata vissuti nei rifugi, facendo riemergere uno spaccato di vita importante e altrettanto tragico della storia cittadina.

 

                                                    NAPLES UNDERGROUND

Tuff is strong and easily worked, making it an ideal building material. Tuff was mined through access and removal shafts called the occhio di monte, ("eye of the mountain"). Through these shaft, gigantic blocks of tuff were quarried and pulled up. The resulting void was a bottle shaped cavity with sloping shoulders, which provided ample reinforcement to prevent future cave-ins. After the tuff was quarried it was used as building material during roughly the Angevin, Aragones and Bourbon periods.

The resulting caverns were later used to form water reservoirs into which water was diverted from the main aqueducts, and the Ancient Greeks dug long and elaborate aqueducts beneath the city more than 2,500 years ago. These provided fresh water to the villas and palaces above through use of the deep reservoirs and cisterns. Well shafts were also dug offering community access to the reservoirs below.



A water channel, now traveled by tourists. White deposits low on the walls show the typical previous water level.

Over the centuries a massive honeycomb of caverns and passageways has been created beneath Naples and its environs. In World War II many of the quarry shafts were enlarged and spiraling stairways were added, opening up the caverns for use as air raid shelters.

Today, tours of the elaborate underground beneath Naples are available and there is even a museum of the underground located beneath Piazza Cavour in a huge quarry cavity with connecting tunnels and aqueduct passageways. It contains elaborate replicas of Greek hypogea and many ancient artifacts discovered during more than half a century of exploration.aid shelters.

 

942013161953881125x104.gif

                                                          http://videostudiosaia.beepworld.it/

          NAPLES SOTTERRANEA

 est un terme italien qui désigne un réseau de galeries souterraines et de cavités creusé par l'homme dans le sous-sol de tufdu centre historique de Naples.

Sur une longueur de 80 km, ces cavités se réfèrent à diverses époques et en particulier directement à la période où les immeubles situés sur le dessus sont édifiés. En effet, la plupart des habitations de Naples sont construits avec du tuf prélevé sur place.


Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!